HomeRecensioni StrumentiEffettiBoss Me-80 Recensione

Comments

Boss Me-80 Recensione — 33 Comments

  1. ciao,
    ottimo articolo..anche io ho la pedaliera me80..sapresti consigliarmi un buon ampli (transistor o valvolare) per sfruttare a pieno le potenzialità del multieffetto? e che tipo di collegamenti fare?
    grazie

    • Ciao Luca,
      la ME-80 non ha un loop send e return per usare il metodo dai 4 cavi (che permette di inserire il preamp dell’ampli nella catena effetti) e quindi l’unico modo per collegarla ad un amplificatore e’ entrando nell’input (a meno che non si volgi metterla nel loop dell’ampli ma a questo punto si possono usare decentemente solo gli effetti di modulazione e ritardo). A mio avviso il miglior ampli sia valvolare che transistor per usare questa pedaliera e’ un ampli che garantisce un buon pulito. Io ho preso un DV Mark Little Jazz che recensirò a breve.

      Un’altra soluzione e’ un ampli che non colori per nulla il suono e usare le simulazioni interne alla Me-80, in questo caso consiglio un Power Engine tech21 che e’ un finale di potenza in formato combo.
      Ciao
      Matteo

      • Grazie della risposta..sto proprio cercando un ampli per suonare prevalentemente in casa che non snaturi la me80 e che renda meglio di come la sento in cuffia (non un granché), senza dover rieditare le patch ogni volta che suono in sala prove a seconda dell’ampli che ci trovo..mi attirava il blackstar ht5 r, provando a miscelare le valvole con la pedaliera, ma è dura.. In rete ho visto un video di un tizio che tira fuori grandi suoni dalla me 80 collegata ad un piccolo combo valvolare marca yerasov..che ne pensi?

  2. Ciao, ho avuto il ht-5R per un po’ (a dire il vero ce l’ho ancora ma e’ in prestito ad un amico) e’ un ottimo amplificatore per suoni high gain, il pulito e’ molto piatto e spento. orientati verso un amplificatorino valvolare più pulito e “monocanale”, se ti serve per suonare in casa non hai bisogno di un volume esagerato, tipo il VHT special 6 o il VOX AC4.
    Ho visto il video di quest ampli yerasov, sembra veramente interessante, pero’ ho cercato e non si trova in Italia, almeno per il momento. La cosa bella e’ il line input che bypassa il pre dell’amplificatore e ti permette di usare le simulazioni di pre dell’ME-80 e il finale dell’ampli.

    • Ciao Matteo,
      riguardo all’ampli yerasov, anche io ho notato (e apprezzato)proprio il line input che bypassando il pre consente di usare le simulazioni dei preamp della me 80..purtroppo questi ampli non sono ancora disponibili, ma mi chiedevo se ne esistano altri con questa possibilità, evitando di “impastare” il pre dell’ampli con quello della pedaliera..oppure mi chiedevo se la strada da seguire è quella di disattivare le simulazioni della me80 e usare solo il pre dell’ampli con il multieffetto boss..certo è che girano video in rete (vedi josh munday patches) dove si tirano fuori suoni eccellenti dalla me80, ma non si riesce a capire (almeno io)come vengano fatti i collegamenti..qualche suggerimento? grazie!…

  3. Ciao a tutti,
    qualcuno l’ha mai usata con una chitarra acustica?
    C’è molta differenza dalla roland vg8/vg88?
    Si può usare un pkup esafonico?
    Se qualcuno mi sa dare lumi…

    • Ciao Mirko,
      usare si può’ usare, nei modelli di preamp ne ha anche uno per acustica, ma non lo consiglio. Non si può’ usare l’esafonico. E’ un prodotto completamente diverso dai VG e dai GR. E’ come se fossero pedalini integrati, modulazioni e ritardi suonano bene anche con l’acustica ma e’ più’ pensata per l’elettrica.
      Ciao

  4. Scusa saresti così gentile da rispiegarmi i collegamenti da effettuare per utilizzare al meglio l’Me80 direttamente in un mixer di un impanto dal vivo!?

    • Ciao Pierluigi, per collegare l’ME-80 ad un mixer per andare in diretta nell’impianto voci devi attivare la simulazione di finale e cassa. Per farlo basta inserire uno spinotti no jack nella presa cuffie. A questo punto la simulazione e’ attiva anche sulle uscite L e R, da li con cavi mono jack puoi collegarti in stereo al mixer (o in mono).
      Dimmi se chiaro
      Ciao
      Matteo

  5. ciao, complimenti per la recensione..potresti chiarirmi meglio qualche aspetto della me-80?..il primo: in ordine di peso e trasporto, rende meglio di una gt100 o gt10 o siamo lì?..secondo: (sono un felice possessore di una gt10, piuttosto pesante però, che uso con un finale rocktron velocity 300)..è sufficiente inserire un jack qualsiasi in cuffia anche se non collegato a nulla (per es. un adattatore per jack stereo) per estendere la simulazione di amp all’out della me80?

    • Ciao Guido,
      la me-80 e’ più piccola e leggera della GT100 GT10, di quel tanto che basta a sentire la differenza e renderla più pratica da trasportare. Si, basta inserire uno spinotto adattatore (basta che fa scattare un qualche contatto meccanico interno) nell’uscita cuffie e la “simulazione” di cassa si attiva anche sulle uscite L (mono) e R.
      Ciao

  6. Scusami saresti così gentile da spiegarmi come si fa a collegare l’Me 80 direttamente nell’impianto? Hai scritto così ..Infilando un Jack nell’uscita per le cuffie la simulazione di finale e cassa viene attivata anche sulle uscite Jack da 1/4” e questo permette di collegare l’ME-80 direttamente ad un PA o ad un dispositivo di amplificazione lineare mandando il segnale in stereo…..MA UNA VOLTA INSERITO IL JACK NELL’USCITA CUFFIE POI DOVE FINISCE?

  7. Il jack nell’uscita cuffie può’ anche non finire da nessuna parte, puoi mettere dentro anche solo uno spinotto senza cavo e senza cuffie, e’ solo un’espediente per far scattare dentro alla presa un qualcosa che attiva la simulazione di cassa. Poi ti colleghi al PA usando le uscite Jack L(MONO) e R. Ma niente ti vieta di collegarti al PA usando proprio l’uscita cuffie, con un cavo che da una parte abbia un jack stereo 1/8″ e dall’altra due Jack mono da 1/4″ o due RCA o due XLR. Secondo me e’ più’ comodo usare le uscite L e R con cavi jack mono da 1/4″

  8. Ciao Matteo, ho “beccato” in rete adesso il tuo articolo che ho trovato molto interessante. Sono da anni un felice possessore del Boss ME70, che adore per gli stessi motivi da te elencati, ma attualmente tentato dal suo successore ME80.
    Caso vuole che anch’io stia valutando di portarmi a casa un ampli DVmark little jazz. Mi sarebbe pertanto utilissimo avere qualche tua impressione/considerazione sull’ampli e sull’accoppiata Little Jazz/ME80.
    Grazie,
    a.

    • Ciao Andrea,
      Little Jazz + Me80 sono una gran accoppiata, il little jazz e’ molto lineare quindi puoi usare anche le simulazioni di preamp dell’ME80 per colorarlo un po. Secondo me sono due ottimi acquisti. Fammi sapere cosa ne pensi se li prendi!! Matteo

  9. Ciao Matteo,
    ammetto di aver comprato un ME 80 grazie soprattuto alla tua recensione e ne sono molto soddisfatto.
    Volevo chiederti un consiglio sul setup con un VOX ac15.

    Il mio intento è quello di mantenere il più inalterato possibile il feedback dinamico del VOX (che mi gusta parecchio) e utilizzare la BOSS nel modo meno “invasivo” possibile.
    mi spiego meglio: Io suono blues e vorrei settare la boss in modo da utilizzare solo il minimo necessario (stompbox, delay, etc) senza rischiare di alterare troppo il suono originale dell’ampli, o abbassare la potenza del suono, o inserire saturazioni che si aggiungono alla saturazione “valvolare” dell’ampli, cercando di ottenere un suono meno digitale possibile.

    Spero di essere stato chiaro.
    Grazie in anticipo,
    Davide.

    • Ciao Davide, mi fa piacere che la recensione ti sia stata utile. Secondo me la me 80 suona molto simile ad una pedaliera di pedalini analogici. Non usare la sezione preamp. Tieni la manopola a del’output a metà che corrisponde allo stesso livello che avresti collegando la chitarra all’ampli direttamente e tieni l’ampli su un settaggio pulito. A questo punto sperimenta con la sezione overdrives per trovare la giusta combinazione.

  10. Ciao ragazzi, ho bisogno di un aiuto!
    Premessa che non ci capisco granchè con questa roba.
    Poco fa mi è stata regalata questa pedaliera Me-80.
    Ho subito cominciato a collegarla al pc ed ho scaricato le patches dal sito bosstonecentral.com.
    Ebbene, la chitarra non suona affatto come nelle demo pubblicate nel sito; in particolar modo la patch di Van Halen è completamente differente (capisco che lui suonava con una chitarra da 10000 euro, però un minimo dovrebbe almeno avvicinarsi).
    Cosa può essere secondo voi?
    Utilizzo un amplificatore Marshall da 30 w transistor (da camera!!) ed una Paul Reed Smith Santana SE.
    Grazie per l’ aiuto!

    • Qualche consiglio ragazzi? le sto provando tutte…. Ho pensato fosse colpa dell’ amplificatore (Marshall mg30dfx) che, non essendo full range, non riesce a riprodurre tutti i toni provenienti dal multieffetto….. idee?

      • Sono praticamente tutte così le pedaliere per chitarra..quando ascolti i suoni nelle demo che si trovano a vario titolo in rete è un conto poi quando li ascolti negli impiantini o ampli in casa di noi comuni mortali n’è un altro…lo stesso se li ascolti in cuffia(eccezzionali) e poi rimani deluso quasi sempre(a parte line 6 hd-500 la migliore a mio avviso) dai suoni che escono da altri diffusori e che dovrebbero ascoltare anche gli altri.
        C.que se non sai che fartene la riprendo io ad un costo ragionevole.

  11. Ciao
    Ho da poco comprato Me-80, mi piacciono gli effetti che ha, pero mi trovo un po’ in difficoltà a usarla, gli effetti sono tantissimi, ogni tanto smanettando alcuni pezzi dei Pink Floyde mi riesce un po’difficile trovare dei suoni nn dico uguali ma simili.
    Se qualcuno a qualche idea.
    Grazie

    • Ciao Carlo, la difficoltà deriva dal fatto che la pedaliera produce un suono leggermente diverso a seconda dell’ampli (quale ampli usi e se lo usi) e della chitarra (naturalmente).
      Anche io all’inizio ero un pò perso. Poi mi sono letto il mitico manuale che esce nella confezione e ho cominciato a capire cosè davvero un preamp o un compressore. Ti assicuro che man mano costruisci il suono. Per Esempio se pensi a Gilmour (mi parli di Pink Floyd) basta dare uno sguardo a un live e vedi che lui usa quasi sempre degli HiWatt (quindi puoi andare su un preamp nominato STACK). Poilui usa quasi sempre una strato (quindi ti serve una chitarra single coil). Se hai una Gibson puoi usare tra i compressori, la funzione HUMB – COIL (che ti fa suonare la gibson un pò più simile a una fender). E poi naturalmente vai di delay e effettini vari per completare il tutto.
      Se per esempio vuoi riprodurre i suoni di THE WALL, forse non tutti sanno che Gilmoure ha usato per quel disco una LES PAUL (raro). Quindi in quel caso ci vuole un suono più saturo e aggressivo.
      Insomma, devi sperimentare un pò.
      Se usi un ampli in particolare (io per esempio attacco la mia ME80 a un vox AC15) devi settare i volumi in base al suono efettivo del tuo ampli (che ti consiglio di usare sempre con il canale pulito, non overdrive).
      Ultima cosa che ti posso consigliare e di scaricarti dei preset dal sito BOSS. Ci sono alcuni di buon cuore che hanno creato dei preset proprio in stile PINK FLOYD o tanti altri. Magari parti da li e poi li modifichi come ti suona meglio.

      Ciao,
      DAV.

  12. Ok mi hai dato dei buoni consigli, per me che ancora devo capire come far funzionare la mia ME 80, anche l’idea di trovare dei preset nel sito della BOSS e buona e quanto prima andro a visitarlo.
    grazie
    Carlo

  13. ciao,
    volevo sapere se c’è un modo per usare il phrase loop della boss me-80 in modalità memoria, in modo tale da loopare una patch e fare un overdub con un altra patch..
    grazie!

  14. Ciao. Ho bisogno di sapere una cosa fondamentale. La boss me 80 è dotata di preamp quindi, in teoria, può essere attaccata anche direttamente su una cassa (cabinet) passiva senza amplificatore??? Oltre che al mixer di un impianto e all’amplificatore standard.
    Sono un novizio. Sarei grato di una risposta

    • Ciao! Allora, puoi usare il Phrase Loop in modalità memoria, ma appena cambi patch, si spegne anche il phrase loop, quindi non puoi mixarlo con altre patch come chiedevi.

  15. Ciao. Bellissima la tua recensione.
    Ho acquistato la me80 e mi trovo una meraviglia. Ora devo prendere un amplificatore. Ho letto che tu hai un dv mark little jazz. Come ti trovi accoppiandolo alla me80?
    Sono indeciso se prendere la versione dv mark jazz 12 col cono più grande.
    Cosa consigli???

    • Ciao Marco,
      il little jazz secondo me alla fine e’ bello usa senza effetti, adesso e’ uscito il nuovo Micro DV non l’ho ancora provato ma credo sia perfetto come mangia effetti.

      • Capito….ti spiego, ho cambiato strumentazione. Dai pedalini analogici sono passato alla me 80 boss e mi trovo benissimo. Il problema è l’amplificatore, ho un valvolare da 40 watt, esattamente marshall jcm 2000 dsl 401. Suonandoci (entrando nell’input) in coppia con la me 80 le distorsioni escono molto taglienti. Se l’attacco al return il volume cala drasticamente. Per i motivi descritti vorrei cambiare amplificatore ed optare per il dv mark. Sono indeciso tra il jazz 12 ed il little jazz. Secondo te il little jazz è abbastanza potente per suonare in un locale in coppia con la batteria ecc???
        Dal vivo all’aperto posso usare la D.I. ed uscire sull’impianto, com’è il risultato???
        Mi dai un po’ di consigli anche su come risolvere il prob del suono marshall???

        In attesa
        Grazie
        Saluti
        Marco

  16. Ciao! Complimenti per tutto quello che scrivi! Sei di grande aiuto!
    In questo periodo sto sperimentando l’uscita della me80 nel return dell’ampli con simulazione di preamp attivata, cosa ne pensi?
    Gabriele

  17. CIAO MATTEO CONSIDERATA LA TUA ESPERIENZA VORREI CHIEDERTI UN CONSIGLIO PER QUANTO RIGUARDA LA BOSS ME80,COME POSSO REGOLARLA IN MODO DA AVERE UN OTTIMO RISULTATO IN DISTORSIONE CONSIDERANDO CHE USO UNA CHITARRA IBANEZ STEVE VAI JEM E UN AMPLI VALVOLARE MARSHALL DA 70W?PERCHE’ HO PROVATO VARIE REGOLAZIONI, MA FORSE SONO IO CHE NON RIESCO A SETTARE LE VARIE FUNZIONI.GRAZIE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *