HomeRecensioni StrumentiAmplificatoriTech 21 Power Engine 60: L’amplificatore per suonare senza amplificatore!

Comments

Tech 21 Power Engine 60: L’amplificatore per suonare senza amplificatore! — 23 Comments

  1. Ciao Matteo,
    da tempo sto riflettendo sulla stessa cosa ed e’ imbarazzante come questo articolo, che scopro solo adesso, sia cosi’ in sintonia con le mie necessita’.

    Sono d’accordo su tutto quello che dici (a parte la scelta del tech21 che non posso condividere dal momento che non lo conosco).

    Riassumo la mia posizione (da privilegiato):
    – nei grandi palchi c’e’ sempre un buon PA cui attaccarmi con soddisfazione (ma ci potrebbe essere il problema della spia).
    – nei piccoli contesti ho un SR JAM 150 che con il suo mixer mi permette di aggiungere anche microfoni ed altri strumenti (e funge anche da spia, se lo tengo dietro, altrimenti anche qui ho il problema della spia).
    – a casa ho la cuffia ed il jam 150 (a basso volume, che prediligo da sempre rispetto ai volumi alti)

    Rimangono scoperte, oltre al suono in spia, le serate da amici e le “trasferte” dalla suocera.
    Il Jam 150 non e’ amabilmente trasportabile, nel senso che pesa circa 15 kg e non ha maniglie, ma solo due buchi laterali (curvi e lisci) in cui inserire le mani per tenere (a pressione) l’oggetto. Ci vogliono due mani, altrimenti il gioco del tenere in pressione non funziona.

    Cercando quindi alternative mi sono fatto una minima cultura:

    – i monitor da studio non sono assolutamente adatti. Sono fatti per stare fermi in studio o in casa, non hanno protezioni esterne per i coni e non sono protetti da picchi improvvisi che in una situazione reale potrebbero comunque succedere. Hanno anche un basso wattaggio, non idoneo per moltissime situazioni.

    – diffusori attivi. Sono generalmente biamplificati (classe D) per permettere l’utilizzo contemporaneo di uno strumento ed un microfono. Esistono per tutte le tasche e in quasi tutte le dimensioni, ma vanno scartati quelli con woofer al di sotto degli 8″. Dagli 8″ in su si trova di tutto. Dai 6 Kg in su. Potenza minima 100+100 W. Escursione da 40-70 Hz a 20Mhz. Il prezzo da 120 euro in su. Ne ho provato qualcuno di queli da 8″ (dimensioni e prezzo contenuti) e sono rimasto impressionato sia per qualita’ che per botta sonora. Ho il mio elenco dei prescelti ed anche la mia marca preferita, ma per ora taccio in attesa di altre dritte da parte vostra.

    Ciao
    Fulvio

  2. Fulvio, spetto che tu faccia qualche nome per i diffusori attivi di cui parli!!!
    tolto il power engine e il trademark tech21 di cui parlo qui, il DV mark Little Jazz e’ un ampli dritto e pulito che colora pochissimo, quasi un monitor, pero’ senza tweeter, e oramai mi sono convinto che con i tweeter in caso di full range vero e proprio i suoni puliti vanno alla grande ma i suoni overdrive e distorti diventano troppo “vetrosi”. Senza tweeter si hanno puliti che forse perdono di frequenze alte ma overdrives più morbidi.

  3. purtroppo penso che la vetrosità che lamenti dipenda più che altro dalla “scarsa qualità” dell’emulatore. Mettiamola così: una chitarra che esce da uno di quegli oggetti è paragonabile ad una tastiera con i propri suoni o, meglio ancora, alla musica che esce da un cd. Un cd amplificato con un ampli per chitarra produce una schifezza di suono, viceversa amplificare CON COLORE questi emulatori produce un suono che, pur modificato, può anche piacere, perchè no.
    Un ampli “neutro” amplifica semplicemente il suono originale. Se questo suono ha dei buchi, vengono amplificati pure quelli.

    Secondo me tutto funziona (nel senso che diventa poi facilmente esportabile in qualunque contesto) quando si ottiene un buon allineamento tra il suono prodotto in cuffia ed il suono amplificato. Per lo meno questo è il risultato che ottengo utilizzando il jam 150, devo solamente ritoccare i bassi sul jam a seconda dell’ambiente e della posizione (per terra o sull’asse).

    Ho uno zoom G2 che in cuffia è niente male, ma collegato al jam fa cagare.

    Stasera l’elenco dei diffusori.
    Fulvio

  4. La mia ricerca sui diffusori e’ finalizzata a qualcosa di super-trasportabile (no ingombro, no peso) ma in grado di amplificare accettabilmente il mio kemper. Meglio se dotato di una discreta potenza. Limite su tutto il prezzo. Ho il Jam 150 e quindi devo spendere poco (sotto i 200 euro), altrimenti ciccia.

    Quindi mi sono fermato a diffusori con woofer da 8″ (e gia’ qui si arriva a pesi di una certa entita’). Salire ai 10″, 12″ o ancora oltre e’ fuori budget per: dimensioni, peso, costo.

    In ordine di prezzo:
    – the box RA8 (120 euro)
    – BEHRINGER B208D (150 euro)
    – PROEL V8A (170)
    – Samson Auro D208 (170)
    – SOUNDSATION VORTECH S208D (180)
    – Proel LT8A (200)
    – DB TECHNOLOGIES Cromo 8 Plus (230)
    – FBT J8A (350)
    – JBL Eon 510 (350)
    – Yamaha DXR8 (350)

    Il mio preferito attuale e’ il Proel V8A. E’ incredibile la potenza (con qualita’) che esce da quella scatolina.

    Per concludere: Ho scartato ampli normali per chitarra, ampli per tastiere (i suddetti diffusori li fregano di brutto), ampli per acustica (attufano il suono), studio monitor (non sono nati per essere portati a giro).
    Infine, non c’entra nulla, ma Yamaha produce eccellenti impianti audio.

    Salutoni.
    Fulvio

    • Ciao Fulvio, mi piacerebbe provare qualcuno dei prodotti che citi, qui è un po’ difficile trovarli. Hai visto il nuovo prodotto Laney? IRT-X? Forse il cono e’ un 12″ e quindi perde un po’ in trasportabilità.

      • Ciao Matteo e Fulvio. Ho letto con molto interesse le vostre idee. Complimenti!!!
        Sono un fortunato possessore di una boss me 80 ed ho deciso di utilizzare i simulatori di amplificatore del multieffetto. La mia domanda è la seguente: posso attaccare la boss me 80, sfruttando il simulatore di amplificatore, direttamente ad una cassa attiva senza passare attraverso il mixer??
        Premetto che in caso di risposta affermativa opterei per la cassa attiva Proel v12a. La scelta è motivata dal fatto che cerco di replicare dal vivo i suoni divini che mi escono dalle cuffie della boss me 80.
        Confido in una risposta
        Saluti
        Marco

  5. Ciao Matteo,
    no, non conosco il Laney, ma, come avevo preannunciato, la mia ricerca finisce a 8″.
    Non L’ho detto finora: il JAM 150 è un 8″ pollici ed è considerato, in campo chitarra acustica, uno dei migliori amplificatori.
    Nel mio immaginario, in questo tipo di ampli, 8″ corrispondono ad un combo, mentre dai 10″ in su si parla più propriamente di impianti voce.
    Tutto questo per dire che su questo tipo di ampli 8″ sono anche sinonimo di qualità. Nulla a che vedere con gli 8″ dei coni per chitarra il cui suono non può essere definito propriamente accettabile in qualunque contesto.

    Ciao
    Fulvio

  6. Visto che devo aspettare mia figlia, ne approfitto per scrivere altre due righe.
    Ho provato il Proel V8A all’Emporio senese, stanzone grande con rumori ecc. ecc. Non con il kemper ma con uno dei tanti oggetti analoghi: esteticamente era una stecca di metallo piena di bottoni e led lunga 30-40 cm e larga 10-15 cm.
    Ebbene un suono della madonna, una botta incredibile (non capisco cosa intendono quando dicono che questi oggetti non hanno la botta dei valvolari), una discreta qualità sonora. Ovviamente il tutto risultava silenzioso, non ingombrante, leggero e pure economico. Diciamo che, per la mia esperienza, bisogna salire su di prezzo con i valvolari per ottenere una qualità analoga, ma a discapito di tutto il resto.
    Arrivata la figlia, ciao …
    Fulvio

  7. ciao e grazie per questo ottimo blog e per questo articolo in particolare.
    Ho una zoom g3 che suono a casa attraverso due piccoli monitor EMPIRE. in realtà funziona molto bene con suoni molto convincenti, in particolare Vox e Matchless con un leggero crunch.
    da un pezzo pero penso alla soluzione casse full range per avere un suono più aperto, più presente ecco, e su youtube avevo trovato dei video dei diffusori KUSTOM ksc 12mp (12″) con un AXE FX:
    *https://www.youtube.com/watch?v=0GvlgT3myiI
    Inoltre questo video di un ragazzo italiano dove prova lo stesso diffusore con un pod hd550 (il video dura 45 min ma la prova inizia solo al minuto 30)
    *https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=gSD-gJyfEn0#t=1996

    questi monitor hanno un ottimo prezzo (119€) e c’è anche la versione con i coni da 10″ ma di soli 50watt. io sto pensando a prendere un paio di 50 watt per collegare la zoom in stereo, credo dovrebbe fare al mio gioco.
    che ne pensate?
    grazie
    Gabriel

  8. Salve Matteo,
    io ho lo stesso problema con la Boss GT-100. Poichè voglio usare le emulazioni e uso anche Guitar Rig, ho letto con interesse il tuo articolo. Quindi secondo te il Tech 21 PE lavora bene anche con la Boss GT-100?

    Riguardo al Laney IRT-X ho capito che è solo una expansion: ma può lavorare anche da solo? Ti dico questo perchè ho un piccolo Laney LC15 potrei avere qualche vantaggio ad usare il Laney IRT-X?

    Grazie in anticipo.

    Alex

    • Ciao! Il power engine e la boss gt100 sono un’accoppiata micidiale
      Laney irt-x dovrebbe “espandere” il suono di qualsiasi amplificatore tradizionale. Però mi riservo prima di provarlo prima di consigliarlo!!!

      • Tech 21 PE ordinato, in attesa di riceverlo….. 🙂

        Ti chiederò qualche consiglio su come impostare la pedaliera Boss GT 100 e Tech 21 PE.

        Nel frattempo ti ringrazio in anticipo.

        A presto.

        Alex

  9. Ciao Matteo,
    Tech 21 preso. Sto cercando di trovare il giusto settaggio con la pedaliera BOSS GT-100.
    Una solo domanda: come ti regoli con i livelli Low-Mid-High del Power Engine? Li setti a monte definendo un suono clean prima di lavorare con la pedaliera? Oppure fai in un altro modo?

    Grazie e a presto.

    Alex.

  10. Ciao Matteo,
    nelle mie prime prove il Tech 21 Power Engine risponde bene con la mia BOSS GT 100. Sto esaminando le varie simulazioni dei principali amplificatori. Ho notato che per dare specifiche sfumature viene fatto largo uso dell’effetto EQ (equalizzatore).
    A riguardo cosa ne pensi? E’ meglio non farne un grosso uso?

    Grazie e a presto.

    • Ciao, per darti un’idea io non lo uso mai….. E quando ho provato ad usarlo ho sempre trovato il suono che avevo in testa spegnendolo 😉

  11. Ciao Matteo, ogni tanto capito su guitarblog e leggo le tue recensioni.. utili e ben fatte. Vorrei un consiglio su monitor o casse da usare con Amplitube, quanto dovrei spendere? e qual’è la soluzione migliore per sfruttare al meglio il suono simulato? quindi che non colorano molto il suono.

    • Ciao Giuseppe,

      Come monitor da scrivania ho sentito parlare molto bene delle m-audio nei vari modelli. Però non ho esperienza diretta.

      Ho invece comprato da qualche settimana un laney irt-X che è una vera e propria spia da palco che però è leggera e compatta. Anche questa potrebbe essere una buona soluzione per amplificare un simulatore software

      • Ciao Matteo, scusa il ritardo ma ho letto solo ora la risposta.. riguardo alle m-audio ho letto solo commenti positive e i prezzi non sono esagerati, devo capire quale modello prendere ma soprattutto capire che grandezza di coni servono per studiare in camera, se riesco a trovarli in qualche negozio cercherò di provarli con qualche pedaliera per vedere come si comportano. Grazie per la risposta!

        ps: interessanti anche le laney irt-X!!! 😀

  12. Ciao Matteo, scopro solo ora questo post ma anche perché fino ad ora non mi ero mai posto il problema, che invece vedo affronti in maniera molto diretta.
    Ho trovato molto interessante quanto da te scritto e lo scambio con Fulvio.
    Io ormai suono da un po’ usando le simulazioni da iPad, prima su tutti Jamup Pro, ma ho anche Amplitube ed avendo l’interfaccia chitarra Sonic Port della Line6 ho anche la loro app.
    Sono tutti molto interessanti ma risentono del problema da te segnalato, tanto che io, che cmq faccio solo semplici parti ritmiche, di solito passo da mixer.
    Mi chiedevo, per essere utilizzato anche in contesto live, se il Trademark 30 fosse sufficiente, considerando che in ogni caso vengono sempre microfonati gli ampli.
    Mi ha incuriosito molto Fulvio con il Proel V8A, ma per questo volevo capire se si può entrare direttamente con l’uscita dell’effetto/iPad, e poi sempre l’aspetto live.
    Il peso ho visto che in entrambi i casi siamo sui 7 kg circa, e mi sembra un ottimo compromesso in effetti.
    Grazie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *