HomeRecensioni StrumentiEffettiBoss GT-1 Recensione – Un Piccolo Mostro

Comments

Boss GT-1 Recensione – Un Piccolo Mostro — 5 Comments

  1. Ciao. L’uscita export 2 – 2.3 come si può usare?
    Posso attaccare due pedali esterni ma l’uscita è unica, come posso fare???
    La gt1 come la trovi rispetto alla boss me 80???

    Saluti

    • Ciao Marco,bisogna usare il boss FS-6 o FS-7 che si collega con cavo stereo o cavo ad ypsilon jack stereo nel GT-1 e due jack mono dall’altra parte. ME-80 era imbattibile come immediatezza usandola come una pedaliera convenzionale, la GT-1 si può’ usare anche in questo modo ma richiede appunto i pedali esterni e un minimo di setup. A livello di suono la GT-1 e’ superiore alla ME-80 come realismo

  2. E dal punto di vista della simulazione di cabinet ed amplificatori come trovi la gt1 rispetto alla gt100 e la boss me80???
    Saluti

    • Guarda, premetto che il giudizio è soggettivo ma secondo me sono molto più naturali come risposta al tocco, secondo me sono stati migliorati

  3. come sempre un’ottima recensione
    possiedo da anni la zoom g3 che uso come cervello del mio rig, usando le simulazioni ampli.
    ho anche una boss gt001 che trovo un ottimo strumento DESKTOP e home recording.
    ero molto curioso della serie gn della zoom, ma forse il gioco non vale la candela.
    mi chiedo se hai mai provato invece le simulazioni di od e fuzz presenti nello zoom ms100bt, quelle a pagamento per intenderci. grazie alla simulazione del KLONE ho venduto un electro harmonix soul food. la simulazione del fuzz tonebender mk è incredibile e insieme alla simulazione del big muff mi stano convincendo di vendere un zvex mastotron!!!
    credo che ora queste simulazioni e altre siano di serie o scaricabili gratis con il nuovo zoom lab per la serie gn.
    gli overdrive nella boss gt001 sono molto belli, dinamici. Mi chiedo che senso abbia ormai comprare stompbox singoli… per il prezzo di un paio me ne prendo una boss gt1 usata e riesco a fare 1000 cose in più
    leggo sempre il tuo blog
    saluti
    Gabriel

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *