Computer Effetti Musica Software Strumenti

AmpliTube iRig VS AMPKIT Link

Qualche settimana fa ho preso un Amplitube iRig per collegare la chitarra all’iPhone, risultato un po’ deludente, Ieri ho trovato un Peavey Ampkit Link che da quello che ho letto in rete avrebbe dovuto essere migliore… Ieri sera li ho provati entrambi. La domanda che mi pongo e’ se i pirloni sono quelli che ti vendono queste trovate o se siamo noi che ci crediamo e le compriamo. A dire il vero propendo per la seconda. Una volta al massimo si diceva che con il telefono si poteva accordare la chitarra, e anche quello era tutto da dimostrare, ma ora pensare di attaccarcela per suonarci e registrare sara’ veramente possibile? vai oltre per scoprirlo…

Allora torniamo all’accordare la chitarra con il nostro vecchio telefono fisso. In italia il segnale di “libero” non e’ un tono continuo ma il caro e familiare “tu tuu… tu tuu” mentre in altri paesi e’ un tono continuo a 440 hz che puo’ essere veramente usato per accordare il LA della chitarra… quindi dipende da dove si vive, io con il tu tuu non ci sono mai riuscito.

Passiamo invece a questi due aggeggi. Due o tre settimane fa trovo l’iRig in un negozio della Jingling Road, lo prendo al volo e tornato a casa da bravo pirlone prima di provare Amplitube free faccio lo sborone e prendo subito la versione a pagamento, d’altronde i video visti su youtube facevano ben sperare. La prima prova e’ stata estremamente deludente, c’e’ un fruscio di fondo esagerato e la latenza e’ abbastanza marcata, per ridurre il fruscio bisogna usare il noisegate che taglia drasticamente gli alti e tronca la coda del suono in modo innaturale, fa un po’ pena cosi’. Un po’ demoralizzato e incazzato ho scaricato anche Ampkit della Peavey, pero’ per non accentuare il bruciore al culo, la versione free. Con i Rig anche qui si presenta lo stesso problema del fruscio. Da qualche lettura in rete emerge che il problema e’ dovuto al fatto che iRig e’ passivo e si dice in giro che Ampkit Link essendo atttivo (va a pile) ne e’ immune…

Ieri ero a pudong per lavoro e allora prima di tornare in ditta visto che comunque dovevo mangiare qualcosa mi sono fermato al Music Vox, un negozio di strumenti musicali della catena Suning, e ho trovato il famigerato Ampkit Link.

Tornato a casa li ho messi a confronto. Allora sul fronte fruscio nessun miglioramento, Ampkit Link ha all’interno una sorta di buffer o preamp che aumenta un pochino il segnale e forse ne aggiusta l’impedenza ma a mio parere amplifica anche il fruscio. Il software della Peavey ha un’impostazione “filtro” per ridurre il rumore che taglia meno gli alti ed e’ indipendente dal noise gate, usando questo filtro la situazione migliora sensibilmente. Prima di trarre la conclusione (buttare tutto nel cesso, eccetto il telefono) provero’ a spippolare con i settaggi, ma mi sa che piu’ di tanto non ci si puo’ aspettare miracoli.

Poteva essere una buona soluzione per suonare in cuffia sul divano senza tirar fuori armamentari vari, pero’ secondo me se si cerca un oggetto compatto e tascabile per suonare in cuffia forse la soluzione migliore e’ un Korg Pandora o un Pocket Pod. Peccato perche’ pensavo di usarlo anche quando devo provare qualche chitarra in qualche negozio, di solito ti attaccano sempre ad ampli scausissimi che non rendono giustizia alla chitarra, poter usare qualcosa su cui si conosce come riferimento il suono della propria chitarra potrebbe essere una buona soluzione e avendo il telefono sempre in tasca poteva veramente rivelarsi un uso interessante.

Con l’uscita del nuovo ipad e della versione iOS di Garageband credo che le applicazioni delle iDevices al mondo della musica musica stiano per entrare in una fase di maturita’, anche l’imminente uscita della nuova interfaccia della Apogee JAM che converte l’audio in digitale prima dell’ingresso nel dispositivo permettera’ sicuramente miglioramenti notevoli.

3 Comments

Click here to post a comment

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Mah onestamente sarò stato fortunato io ma non ho bisogno nemmeno del noise gate con l’ampkit della peavey, la qualità è discreta ed esegue il suo lavoro egregiamente per quanto costa. Da notare è però una cosa: con il mio iPod 2g avevo problemi di rumore di massa e non si riusciva a suonare bene (secondo me è la ‘femmina’ dell’ipod non benfunzionante) mentre con il mio 4s non si sente un minimo rumore. 🙂
    Ciao.

    • Ciao Luca,
      effettivamente e’ una cosa a cui stavo pensando, se tutti avessero questo problema di rumore e fruscio probabilmente i vari irig e ampkit e altri accrocchi vari non venderebbero come vendono… magari il problema affligge gli iphone/ipodtouch piu’ datati e alcuni che hanno problemi di massa sul jack. Non li ho ancora provati con l’ipad, dopo i primi esperimenti ho accantonato la cosa ma mi sa che faro’ qualche prova aggiuntiva.
      Ciao
      Matteo

  • Difettoso??? Io ho acquistato un iRig ed ho un ipad terza generazione. Alle prime prove si sono subito presentati problemi di vario genere, in particolare effetto larsen e ritorni in cuffia.incredulo, viste le varie recensioni positive sull’aggeggio, ho contattato l’ikmultimedia che dopo tanta fatica mia ha risposto dicendo i che il mio iRig era difettoso.l’ho cambiato ed in effetti quello nuovo ha meno problemi ma non ho ancora risolto.Sto aspettando una nuova indicazione da iKmultimedia e poi si vedrà se bocciare o meno il prodotto in via definitiva.
    Quanti pezzi difettosi ci sono in commercio?