HomeRecensioni StrumentiChitarreSquier Classic Vibe – Fenomeno o Fenomenali?

Comments

Squier Classic Vibe – Fenomeno o Fenomenali? — 20 Comments

  1. mi son fatto un altro giro sul tuo blog… mi piglia bene….

    concordo che le tele cv sono meglio delle strato cv…. si il ponte tremolo e’ un po’ economico su queste strato.. inoltre nn ti danno la stessa sensazione di solidita’ che hai con le tele ( che sembrano quasi un “pezzo unico” da quanto sono assemblate bene) … ho poi riscontrato in alcuni modelli di strato leggerissime sbavature nella finitura, sulle tele invece sono perfette… sempre.

    se nn si puo’ dire che sono chitarre fenomenali… allora dico… sono chitarre della madonna! mi ricordano le storie che leggevo sulle squier japan anni 80-90…..

    e ti diro’… io si mi sento di fare paragoni con il made in usa… e queste sono quantomeno on par con alcuni modelli (special / standard)… con la differenza che queste tele cv hanno una costanza qualitativa quasi giapponese… (non sarei stupito se ci fossero uomini fender japan al controllo qualita’)

    • Ciao Mirko,
      Sono chitarre veramente incredibili. Se non ci fosse il paragone con le telecaster della stessa serie anche le strato farebbero la loro porca figura… Mi sta allettando l’idea di una strato con humbuckers e le classic vibe hanno lo scasso al ponte per l’humbucker, ma effettivamente poi servirebbe un ponte tremolo nuovo. Per ora tengo a freno la GAS e aspetto di vedere se arriveranno in cina le classic vibe telecaster butterscotch blonde.

  2. Ciao Matteo!!
    Altro articolo interessante!
    Siceramente non ho mai provato una Classic Vibe, ad eccezione di un basso Precision, qualche mese fa…
    In generale però vedo bene le cosiddette “entry level”: la mia Tele è una vecchia Made In Mexico, che risale al 2003 e non mi ha mai lasciato a piedi nè tanto meno deluso…
    Visto quanto scritto, proverò qualche esemplare appena posso.
    Ciao Ciao!!
    Fulvio

    • Ciao Fulvio,
      Se te ne capita una sottomano provala!!!!! Io sono un chitarrista da entry level e ravano nella fascia bassa del mercato. Queste chitarre di economico hanno solo il prezzo

      Matteo

  3. Ciao Matteo, ho trovato molto interessante il tuo articolo sul ”fenomeno” Squier Vibe…e’ da un poco che stavo pensando di farmi passare lo sfizio e prendermi una Tele Squier Vibe da aggiungere alla mia Strato. Poiche’ pero’ non ho avuto la possibilita’ di sentirla, mi puoi dire la Thinline (che mi attizza molto) in cosa si differenzia in termini di suono rispetto alla tua Custom? Grazie mille…ciao! Maurizio

    • Ciao Maurizio

      Premetto che ho provato la thinline solo in negozio e con un ampli che non e’ lo stesso su cui suono la mia cvc. Pur avendo entrambe gli stessi pickup la thinline suona meno fine della custom. Un po’ più grossa, mantenendo comunque un discreto twang. Non so se la mia descrizione e’ chiara, ti consiglio di provarla. A me piacciono tutte, la thinline, la 50 e la custom. Tre suoni molto classici, tre telecaster che se potessi prenderei tutte!!!

      Matteo

      • Ciao Matteo,
        grazie per la risposta…appena possibile seguiro’ il tuo suggerimento..spero solo di trovare tutti i modelli…ti faro’ sapere…Maurizio

  4. Ciao Matteo e ciao a tutti.
    Ben 22 anni fa comprai una Fender american standard della quale non fui mai soddisfatto e così passai alle Ibanez, prima serie JS e poi Jem (quest’ultima tutt’ora in possesso). Con visione a tunnel, dovuta all’esperienza negativa, ho sempre guardato le Strato e le Tele come dei rudi pezzi di legno insuonabili. Per fortuna si cresce e ci si domanda come mai Strato, Tele e Les Paul sono le chitarre più usate da tutti…
    Cambio anche il genere musicale e decido di prendere una Strato, spulcio 3000 recensioni cadendo nella più profonda indecisione, le recensioni sono incredibili e opposte tra loro. Ma la tua è quella che mi ha convinto a fare il passo. Anche se il giudizio espresso per la Strato non era convincente come quello dato alla Tele decido ugualmente di fare il passo. Sono soddisfattissimo della C.V.60!!!
    Sulla stessa onda, visto il prezzo decido di prendere anche la tele C.V. Custom e rifarmi di tanti anni di mancanza di questi due modelli… grande goduria.
    Devo però dire che preferisco, per gusto personale, il suono della Strato.
    Ora però vorrei chiedere a chi è in possesso della tele C.V. Custom, se quest’ultima presenta un grande numero di venature del legno sul body ben visibili nonostante la verniciatura apparentemente ben fatta. Il liutaio mi ha detto “ce ne fossero”, ma io rimango un po’ perplesso dalla numerosa presenza di queste venature. Mentre la stavo acquistando, un ragazzo in negozio mi ha detto che anche la sua è così, ma essendo l’ultima al momento disponibile e la Gas che mi stava letteralmente assalendo, l’ho presa… però mi è rimasto il dubbio.
    In ogni caso suona bene e un fatto estetico del genere non mi fa cambiare idea su questi strumenti dal rapporto qualità prezzo eccellente!!!

    • Ciao Donato,
      innanzitutto sono contento che la mia recensione sia stata quella decisiva nella scelta, in particolare modo poi il fatto che tu sia soddisfatto. Le Strato Classic vibe sono veramente valide!!! Per quanto riguarda la Tele anche la mia era cosi (l’ho dovuta vendere a malincuore per prendere un’altra chitarra) non so se la cosa sia effettivamente un pregio in termini di suono o meno (la vernice non troppo spessa?), per me comunque lo e’ a livello estetico. se hai un foto per illustrare la cosa mandamela all’indirizzo email che trovi nei contatti qui sul blog.

      Ciao!!
      Matteo

  5. Carissimi,
    volendo acquistare una fender stratocaster made in u.s.a., ho cominciato una ricerca infinita su come poterla acquistare con 300 euri….ma era impossibile!! Ho avuto in passato una made in u.s.a. che suonava veramente bene, e rosico ancora oggi della sua vendita…ma pazienza. Poi mi imbatto con questa serie di TOP squier….ma il nome mi dava molta sfiducia…chitarre di plastica, magneti da due soldi, meccaniche finte…etc etc.
    Sui Forum però ne parlavano tutti bene….su youtube le registrazioni non erano male, allora cominciai a studiarmi le caratteristiche, body con 2 pezzi di ontano, verniciatura leggera, tastiera piatta e comoda, profilo a C sottile, ponte non di eccelsa qualità, ma se non lo si stressa molto va benissimo, pickup al ponte non bellissimo….
    Alla fine, trovai un prezzo ottimo, 200 E, e me la feci spedire…con tanto di manico smontato. Ero senza amplificatore, quindi l’ho suonata per due giorni da SPENTA, e mi ha impressionato la risonanza dei legni, bello, veramente un bel suono.
    Poi mi è arrivato un ampli muletto, e li i pickup si son fatti sentire, decisamente buoni, quello al manico eccezionale, e pure quello in mezzo…..quello al ponte effettivamente non fa impazzire…
    la tastiera è veramente comoda e scorrevole, ed i vibrati hanno un ottimo sustain….insomma potrei anche evitare quelle menate sul cambio del ponte per aumentare il sustain…
    Quindi non mi manca altro che dirvi che se avete dei dubbi su queste chitarre perchè c’è scritto SQUIER, provatene una, e ve la porterete sicuramente a casa!
    …..la mia è una Classic Vibe ’60, e suona meglio della stratocaster standard made in u.s.a. del 91 che avevo prima !!!!

  6. Riccardo è veramente così, è un’ottima chitarra. Il suono del single al ponte un po’ acido ma a quello si può sempre rimediare con un pickup acquistato in seguito.
    Credo anche che al ponte si potrebbe montare un Seymour Duncan SSL-3 o SSL-5.
    Sinceramente non rimpiango affatto la mia Fender American Standard del 1988, aveva sempre problemi di tenutà dell’accordatura e il manico con un profilo che a questa non gli fa nemmeno un baffo.
    Ma ci ricordiamo le Fender Japan per le quali la gente negli anni ’80 storceva il naso? Beh avercela adesso… chissa che le nostre C.V. un domani possano darci anche qualche piccola soddisfazione… oltre a quella di godercele per come suonano bene ora.

  7. Ciao Matteo,una domanda siccome ho intenzione di farmi una Tele Squier CV, e mettere un bel Seymour Duncan ’59 al manico (tanto uso solo quello!) vorrei sapere se anche la Thinline,come le sorelle solid, ha lo scasso pronto per l’humbucker al manico;
    ti ringrazio, saluti cordiali

    Pietro

      • Ciao Pietro,
        ho fatto una ricerca su google e da alcune foto che ho trovato in rete mi sembra che lo scasso al manico sia per single coil e non per Humbucker come sugli altri modelli.
        Ciao
        Matteo

        • Ciao Matteo,
          si grazie ho visto anch’io un paio di foto di una Thinline CV “nuda” e lì c’è solo lo scasso per il single coil,solo le solid hanno già il routing pronto per l’humbucker….peccato 🙁

  8. Ciao ragazzi, sono Francesca, sto passando da una chitarra acustica a quella elettrica, anche io ho letto molti forum anche americani e pare che la Squier Classc Vibe ’50 faccia impazzire un po’ tutti! Sono molto tentata di acquistala visto il prezzo veramente conveniente, su un blog però un signore a messo in guardia sulla differenza tra il modello Vintage Blonde e quello Butterschotch sembrerebbe che il primo sia decisamente migliore del secondo quindi i duo i modelli non possono essere considerati simili. Ne sapete qualcosa , sapete consigliarmi a riguardo? Vi ringrazio anticipatamente.

      • Grazie Matteo! Ho visto un po’ di demo dei due modelli e mi è sembrato che il suono della Butterschotch fosse più distorto e ruvido mentre quello della Vintage Blonde sembra più pulito e morbido. Concordi?

        • Ciao Francesca,

          I pickup della butterscotch sono meno potenti di quella bianca, a me personalmente piace esteticamente di più la butterscotch ma come suono preferisco la bianca. Se riesci provale entrambe prima di comprare.
          Buon Natale!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *